mynetx

Pensiero della settimana: La dura vita di Wikileaks

Uno dei fenomeni che più sta facendo discutere negli ultimi periodi è sicuramente Wikileaks, e la cosa più bizzarra che al momento i contenuti che sono stati pubblicati non sono imputabili giuridicamente (o quantomeno, non subito….). Stranezze del web a parte, attualmente l’allegra combriccola spifferona no sta attraversando un periodo felice. I guai sono iniziati infatti quando Amazon ha deciso di cacciare gli indesiderati ospiti dai propri server. Giusto per chi non lo sappia, Amazon vende anche spazi e domini sul Web. Wikileaks aveva deciso di usare Amazon per i propri servizi di hosting, pensando che non avrebbe mai trovato problemi… e invece è stata Amazon stessa a crearne! Ok, può capitare di essere sfortunati una volta…. ma sembra che contro Wikileaks si stiano accanendo tutti! Dopo Amazon infatti è stata PayPal a decidere di chiudere ogni tipo di rapporto precedentemente instaurato, cancellando il conto che Wikileaks aveva aperto su PayPal per ricevere donazioni. La compagnia di pagamento più famosa del web ha infatti comunicato che non vuole in nessun modo avere a che fare con società che divulgano informazioni illegali,  come fa appunto Wikileaks.

Il portale è stato successivamente vittima di numerosi attacchi Denial of Service attacks (DoS), causando numerosi danni ai provider DNS ai quali il sito si appoggiava. E ovviamente, tali provider hanno smesso di fornire i propri servizi a Wikileaks!! Ora, non per essere catastrofici, ma a noi sembra che un pò tutti gli si stiano accanendo contro, e di sicuro quello che si sta facendo è un vero e proprio tentativo di smantellare tutto ciò che wikileaks ha messo su. Chi si è mosso per ”tagliare” linfa vitale al sito di ”informazione?” è di sicuro un pezzo grosso, se è riuscito a smuovere compagnie come PayPal e Amazon.

Staremo a vedere chi la spunterà in questa dura battaglia, al momento il fondatore di Wikileaks, Julian Assange,  è al fresco e chissà che presto non chiuda i battenti anche il sito web…

Wikileaks